Ago 2021

Nella disperazione ho capito di essere amato!

Vivere con l'ADHD (attention deficit hyperactivity disorder). 

Per tutta l'infanzia, Fabian Backhaus ha sofferto della sindrome da deficit di concentrazione/disturbo da iperattività ADHD. Capiva di essere diverso, si sentiva solo e alla fine voleva togliersi la vita. Ma le cose sono andate diversamente. Qui racconta la sua storia.

Dopo solo due settimane di frequenza sono stato cacciato dalla scuola materna, anche se mia madre una volta era riuscita a gestire la situazione. Ero troppo scatenato con gli altri bambini. Invece di frequentare la scuola materna due volte la settimana andavo alla terapia occupazionale.
In seguito a scuola spesso dimostravo poca concentrazione e presto fui classificato come un "bambino BES”, un bambino con difficoltà di integrazione che aveva bisogno di attenzioni speciali. Per fornirmi un sostegno venne aggiunta in classe una pedagogista sociale.

Spesso da solo
Mi sentivo spesso solo. Chi vorrebbe avere a che fare con qualcuno che non conosca i suoi limiti? A volte io e un amico ci azzuffavamo per gioco; non riuscivo a valutare bene la mia forza , molto spesso il colpo era troppo forte e il mio amico scoppiava in lacrime. Un sincero "non volevo" non era molto d’aiuto.
La mia irrefrenabilità ebbe anche come conseguenza la rottura di alcuni vetri delle finestre; ci furono innumerevoli conferenze scolastiche e ammonimenti, bruciai un fienile, un albero con l'aiuto di una bottiglia Molotov confezionata artigianalmente in casa - ed infine diedi fuoco al mio GRANDE trattore di plastica. (...)
Nonostante il mio QI leggermente superiore alla media (spesso rilevato in chi soffre di ADHD ), ho dovuto frequentare la scuola media inferiore. I miei genitori desideravano che alla fine ottenessi dei risultati positivi a scuola. Nell’area interpersonale la situazione era piuttosto brutta. Con i miei compagni di classe avevo sempre problemi. Il padre di un amico proibì persino a suo figlio di uscire con me perché avrei avuto una influenza negativa su di lui... All'età di 19 anni venni scartato dal servizio civile a causa del mio fascicolo psicologico personale.

Emarginato
Continuavo a sentire di essere diverso - e soffrivo per questo. E a un certo punto accadde l’inevitabile, si presentò la depressione. Mi sentivo male, non volevo più vivere e progettavo il suicidio.
Da dove provenivano questi sentimenti negativi? Non ne ho idea. Un medico più tardi mi spiegò che i bambini ADHD non sono in grado di percepire l'amore, l'affetto e il tocco dei loro genitori quando sono piccoli, quindi si sentono trascurati. Ciò viene percepito dai genitori sebbene cerchino di dare al loro bambino tutto ciò di cui egli ha bisogno. A sua volta questo può portare all'auto-colpevolizzazione o a pensieri depressivi nei genitori, che di nuovo possono influenzare il bambino... Quindi forse era tutto un mix di non aver sperimentato l'amore, di mancanza di amici e della sensazione di essere in qualche modo un po’ particolare.

Pensieri di suicidio
Dopo un'accesa discussione con i miei genitori, che erano spesso sconvolti per me, mi ritrovai in piedi nella cucina di mia nonna con un coltello in mano, sul punto di tagliarmi le vene. Avevo solo nove anni. La mia vita mi è passata davanti agli occhi in pochi secondi. Vedevo solo le cose brutte nella mia vita e avevo un’unica certezza, quella di non piacere a nessuno! Perché dovrei continuare a vivere? Fino a quel momento tutto era stato terribile e non c'era speranza di miglioramento.
Perché posso scrivere queste righe oggi? Non ho affondato il coltello. Dopo quelli che devono essere stati 20 minuti di lotta con me stesso e il coltello sulle vene, mi sono arreso. Semplicemente non ero riuscito a farlo (ancora).

La speranza in mezzo alla depressione
In tutti i miei pensieri e sentimenti negativi, in mezzo ai miei dubbi, c'era anche un raggio di luce: con il tempo avevo sviluppato una relazione sempre più profonda con Dio. Ho potuto sperimentarlo spesso, si è mostrato a me con delle visioni.
Una volta ho sentito una voce diretta dentro di me che mi ha commosso molto. Erano le parole: "Tu sei amato!". Era come se questa voce potente rompesse i miei cattivi sentimenti e mi scrivesse un nuovo status della mia vita. Le lacrime mi scorrevano sulle guance. Non si trattava di un'impressione passeggera, ma di un brusco sconvolgimento dei miei precedenti sentimenti e del mio atteggiamento verso la vita.
Quello che seguì fu qualcosa di miracoloso: la depressione mi lasciò gradualmente finché un giorno sparì del tutto. Sapevo di essere ancora "non normale" ma mi era indifferente, non m’importava più.
Per quanto semplice possa sembrare, Dio mi ha dato la forza e il potere di superare tutto questo. Ero un combattente e Gesù ha combattuto al mio fianco. (...) Io e Gesù eravamo la nuova squadra. Mi ha dato forza, speranza, affetto e amore. (...)

La mia vita oggi
Oggi, a più di 30 anni, mi sento "normale". Posso trattare con le persone, ho i miei punti di forza e le mie debolezze come ogni essere umano. La mia ADHD - almeno questo è quello che direi - non ha più un grande impatto sulla mia vita. L’unica eccezione è che ho un'energia superiore alla media.
Perché sto scrivendo qui tutto questo? Per incoraggiarti! Anche se a volte ti blocchi e tutto intorno a te si va in rovina, posso assicurarti che Dio è sempre con te e ti aiuterà.

 

  • Fonte: © Jesus.ch / Gerth Medien
  • Autrice: Miriam Hinrichs
  • Traduzione: Gabriella Mezzanotti
  • Upload: Grazia Marano