Ott 2021

Come superare la mia dipendenza dalla pornografia?

Vedi anche testimonianze

Anziani, adulti, giovani, adolescenti, e sempre di più anche i bambini, sono esposti alla pornografia. È stato constatato che la popolazione di oggi è incline a vedere immagini e filmati pornografici in età sempre più giovane. Infatti, secondo gli ultimi studi effettuati, un bambino ha in media 11 anni quando è esposto per la prima volta alla pornografia (il che significa che crescendo continuerà a vederne sempre di più) e questo riguarda entrambi i sessi.
Inizialmente la pornografia riguardava maggiormente gli uomini, ma le statistiche mostrano che sempre più donne guardano materiale pornografico. È spaventoso leggere tutte queste informazioni tuttavia è la realtà nella quale viviamo mentre stai leggendo questo articolo. L’ambiente cristiano non è risparmiato da questo tornado devastante. Impossibile evitare l’argomento poiché è al centro della società ed è un tabù. Come parlarne apertamente e con delicatezza (senza scioccare)? È la sfida di questo articolo.

Cos’è la pornografia?
È importante conoscere la storia e vedere come satana ha preparato per anni la sua trappola.
Il termine pornografia è apparso durante l’illuminismo ed è stato usato per descrivere più precisamente la prostituzione. Infatti, dalla sua origine greca, la parola pornografia deriva dall’antico greco πορνογράφος / pornográphos, esso deriva da πόρνη / pórnê che significa prostituta e da γράφω / gráphô che significa dipingere, scrivere o descrivere.
Da questa definizione si comincia a percepire che Dio non può, in nessun caso, essere a favore della pornografia poiché si tratta di prostituzione. Quest’ultima si è in parte dematerializzata per installarsi su supporti come smartphone, televisione, computer, ecc... In breve, dato che è molto più umiliante spostarsi per incontrare una prostituta oppure andare in una libreria per comprare una rivista a luci rosse, satana ha usato le nuove tecnologie per rendere la pornografia disponibile a chiunque e in qualsiasi momento.
E attenzione, per un prezzo pari a zero euro poiché si tratta di risorse ( immagini, film, audio..) liberamente disponibili sulle molteplici piattaforme che esistono. Inoltre, gli interessati restano nell’anonimato e possono farlo in tutta discrezione dove nessuno può vederli, tranne una persona: Dio.
Un’attrice a luci rosse ha spiegato che lo scopo di un film pornografico è la masturbazione. Sapendo che solo in Francia il 77% guarda film di questo genere, possiamo rattristarci per i danni causati nella nostra cosiddetta società moderna!
Ricordiamo che la l’autoerotismo è simile al rapporto sessuale con la sola differenza che questa relazione avviene con la propria persona. Questo vergognoso e degradante fenomeno si è talmente propagato che anche alcuni personaggi politici ne sono stati colpiti.
Ma come discepoli di Gesù Cristo, come possiamo posizionarci di fronte a questo assalto?

La pornografia: cosa ne pensa Dio?
Nella Bibbia non troviamo la parola pornografia. Tuttavia, troviamo molti versi sulla prostituzione. Prima di analizzarne qualcuno, diamo prima una definizione di prostituzione.
Secondo la definizione del Robert, la prostituzione è: “l’atto di consegnare il proprio corpo ai piaceri sessuali altrui, in cambio di denaro, e farne una professione”. In altre parole, la pornografia è la diffusione di immagini, film o “opere” che rappresentano persone che hanno accettato per denaro di cedere i loro corpi ai piaceri carnali. È importante notare che queste persone non sono sposate, che hanno più partner sessuali. Si tratta di partecipare alla diffusione pubblica di atti sessuali espliciti, ma è ugualmente mentire al grande pubblico sull’età, sulle “prestazioni” e la realtà di un rapporto sessuale.
Vediamo adesso insieme qualche testo della Bibbia:
Figlio mio, dammi il tuo cuore, e gli occhi tuoi prendano piacere nelle mie vie;
perché la prostituta è una fossa profonda, e la straniera, un pozzo stretto.
Anch'essa sta in agguato come un ladro, e accresce fra gli uomini il numero dei traditori. (Proverbi 23:26-28) Tutti i testi biblici dell’articolo sono stati presi dalla versione La Nuova riveduta.
Dio sa perfettamente che frequentare donne prostitute, e al giorno d’oggi anche gli uomini, è nocivo e dannoso per coloro che vogliono avanzare nelle Sue vie. A prima vista, può sembrare allettante, ma a volte la visualizzazione di questi atti può portare a volerne sempre di più commettendo la fornicazione o l’adulterio e creando lussuria nel cuore di colui o colei che guarda.
…il corpo però non è per la fornicazione, ma è per il Signore, e il Signore è per il corpo; (1 Corinzi 6:13)
Non sapete che i vostri corpi sono membra di Cristo? Prenderò dunque le membra di Cristo per farne membra di una prostituta? No di certo! (1 Corinzi 6:15)
Dio non può essere d’accordo con le persone che danno il loro corpo alle impurità, e quindi guardarle sarebbe come assecondare i loro atti e partecipare a questa prostituzione. È guardando queste persone che nascono in te degli impulsi sessuali che prima non esistevano. L’aver reso virtuale la visione non cambia l’atto che queste persone commettono quando vengono filmate.
Ma io vi dico che chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore. (Matteo 5:28)
Fuggite la fornicazione. Ogni altro peccato che l'uomo commetta, è fuori del corpo; ma il fornicatore pecca contro il proprio corpo. (1 Corinzi 6:18)
Come discepolo di Gesù devi decidere di fuggire! Non è sempre facile, ma è necessario per la tua vita, per chi ti circonda, per il tuo avvenire in questa vita e soprattutto per quella celeste.

Le conseguenze
Molto spesso senti le persone parlare di pornografia, “questa non è una cosa buona, non bisogna guardare, è sporca, non è sana....” Ma davvero sai il perché? Hai le risposte alle tue domande? Che non è una cosa buona l’hai già sentito molte. Tutte queste cose che sono controverse nella società odierna lo sono ancora di più nell’ambiente cristiano? Questo è ciò che svilupperemo in questa terza parte!
La pornografia provoca un cambiamento inconscio nella nostra visione della relazione sessuale. Il nemico viene e semina idee sbagliate a questo proposito. In questi film osceni, diciamolo chiaramente, la donna è considerata come un oggetto, mentre secondo la Parola di Dio, il marito deve amare sua moglie come Cristo ha amato la chiesa ed Egli non l’ha amata come un oggetto.
Il rapporto sessuale in questi film può essere mostrato come qualcosa di bestiale, e quindi toglie tutta la tenerezza e l’affetto di una relazione sessuale come Dio l’ha perfettamente pensata. Il rapporto sessuale è l’atto con cui si dimostra il proprio amore per l’altro, l’appartenenza anche alla propria moglie o al proprio marito, non è un gioco! È l’atto ultimo d’amore, offrire il proprio corpo alla persona con cui si desidera condividere il resto della propria vita, il tutto nel quadro privilegiato del matrimonio.
In questi film, in nessun momento si parla di amore, si stratta semplicemente di un atto che ha un solo obiettivo: il piacere carnale. Il rapporto sessuale è quindi banalizzato come un atto insignificante e completamente democratizzato. Siamo all’altro estremo della visione di Dio per questa relazione di forte intimità e profondo significato.
Dio non approva l’impurità o ancora l’adulterio e queste persone che vedi nei film a luci rosse non sono sposate quando si accoppiano, quindi si sottintende che nel guardarle si assecondano le loro azioni. È come aiutare qualcuno a commettere un crimine, dato che in nessuno momento rivendichi le sue azioni o se lo fai, non ti impedisce di guardare, è ipocrisia.
Molti cristiani pensano che una volta sposati smetteranno di guardare materiale a luci rosse, ma in realtà questa è un’illusione. È una droga come l’alcol, le sigarette o lo zucchero. Quante persone che volevano smettere di fumare lo hanno fatto da un giorno all’altro e non hanno più ricominciato? Pochissime, a volte, anche dopo 10 anni di astinenza, sono ricadute. La sfera sessuale non è risparmiata da questa realtà. Non illudiamoci, la pornografia distrugge vite, matrimoni, uomini e donne ma soprattutto le anime! Essa porta alla morte spirituale come vediamo in questo passaggio della Bibbia:
Figlio mio, sta' attento alla mia saggezza, inclina l'orecchio alla mia intelligenza, affinché tu conservi l'accorgimento, e le tue labbra custodiscano la scienza. Poiché le labbra dell'adultera stillano miele, la sua bocca è più morbida dell'olio; ma la fine a cui conduce è amara come l'assenzio, è affilata come una spada a doppio taglio. I suoi piedi scendono alla morte, i suoi passi portano al soggiorno dei morti. Lungi dal prendere il sentiero della vita, le sue vie sono sbagliate, e non sa dove va. Or dunque, figlioli, ascoltatemi, e non vi allontanate dalle parole della mia bocca. Tieni lontana da lei la tua via e non ti avvicinare alla porta della sua casa, per non dare ad altri il fiore della tua gioventù, e i tuoi anni all'uomo crudele; perché degli stranieri non siano saziati dei tuoi beni, e le tue fatiche non vadano in casa di estranei; perché tu non abbia a gemere quando verrà la tua fine, quando la tua carne e il tuo corpo saranno consumati; e tu non dica: «Come ho fatto a odiare la correzione,
e come ha potuto il mio cuore disprezzare la riprensione? Come ho fatto a non ascoltare la voce di chi m'insegnava, e a non porgere l'orecchio a chi m'istruiva? Poco mancò che non mi trovassi immerso in ogni male,
in mezzo all'assemblea e alla comunità». (Proverbi 5:1-14)

Come uscirne
È una questione di volontà! Perché oggi con gli smartphone, i tablet, la televisione e a volte la radio tramite le cronache erotiche, basta navigare un po’ per trovarsi confrontatati con un’immagine che non vorremmo guardare, o con un suono che non vorremmo sentire quando abbiamo il desiderio di santificarci.
A volte, anche se non viene dalla tua volontà, c’è un membro della tua famiglia, un amico, un vicino, un gruppo (social network), un club, insomma, i modi per entrare in contatto con immagini o filmati sessuali non smettono di aumentare e questo non ogni anno oppure ogni mese ma piuttosto ogni giorno, ogni ora se non ogni secondo!
Bisogna essere determinati!
Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza quale sia la volontà di Dio, la buona, gradita e perfetta volontà. (Romani 12:2)
Avere il timore di Dio, significa abbastanza amore e rispetto per la Sua persona, per evitare di cadere o ricadere in questi ingranaggi diabolici. Conoscere la Sua Parola, ascoltarla, ubbidire e sottomettersi ad essa, è mostrare a Dio che lo amiamo abbastanza rinunciando ai desideri della carne per poterLo seguire.
«Se voi mi amate, osserverete i miei comandamenti; (Giovanni 14:15)
Il digiuno e la preghiera si riveleranno cruciali per porre fine in modo radicale alla visione di materiale pornografico. Lasciarsi andare e chiedere a Gesù di venire a riempire il vuoto che portava alla pornografia. Di venire e di riempire la tua vita con la Sua Grazia in modo che tu non abbia più il tempo di pensarci.
Allora i discepoli, accostatisi a Gesù in disparte, gli chiesero: «Perché non l'abbiamo potuto cacciare noi?» Gesù rispose loro: «A causa della vostra poca fede; perché in verità io vi dico: se avete fede quanto un granello di senape, potrete dire a questo monte: "Passa da qui a là", e passerà; e niente vi sarà impossibile. [Questa specie di demòni non esce se non per mezzo della preghiera e del digiuno».] (Matteo 17:19-21)
Ascoltiamo dunque la conclusione di tutto il discorso:
Temi Dio e osserva i suoi comandamenti, perché questo è il tutto per l'uomo. (Ecclesiaste 12:15)
Poiché nessuna parola di Dio rimarrà inefficace. (Luca 1:37)
Certamente hai già provato diverse volte a disintossicarti dalla pornografia e non ci sei ancora riuscito(a), ma non cedere! Persevera e non farlo da solo(a) con le tue forze, chiedi a Dio come fare e cerca il contatto con il tuo pastore oppure una persona di fiducia “capace di custodire un segreto”!

 

  • Fonte: © frequencechretienne.fr 
  • Autrice: Flora Vertueux
  • Traduzione: Giosuè Risoluto
  • Upload: Grazia Marano