Mar 2022

Messaggi d'odio e social media

Vedi anche testimonianze

I messaggi d'odio trovano il favore degli utenti sui social media, soprattutto se scritti nel dialetto regionale. I cristiani, invece, invitano le persone ad essere gentili e amorevoli. Hanno una chance?

"Più i commenti trasmettono rabbia e meglio circolano", spiega la whistleblowerin (autrice di segnalazioni di reati o irregolarità) di Facebook Francis Haugen in un’intervista per il giornale "Sonntagszeitung" qualche giorno fa. "I contenuti estremi hanno semplicemente la più alta probabilità di scatenare forti emozioni e una reazione nei lettori".
E se il contenuto è scritto anche in dialetto, allora le probabilità che gli algoritmi che dovrebbero filtrare i contenuti dannosi non riconoscano il messaggio sono alte. "L'algoritmo fornisce il megafono a chi è più estremo", dice Frances Haugen. Inoltre, coloro che fanno commenti arrabbiati - e reagiscono ad essi - rimangono più a lungo su una piattaforma, che è sicuramente nell'interesse di Facebook & Co. a causa delle entrate pubblicitarie e simili.

Gesù era gentile?
Non in un primo momento, ma soprattutto ora con l'attuale schermaglia per il Covid, i cristiani continuano ad attirare l'attenzione invitando a un comportamento pacifico, all'amore e alla gentilezza. Questo è buono e giusto - ma non è anche un po' noioso? Essere gentili" evoca emozioni? Non è molto più interessante dire la propria opinione in modo veramente "chiaro e tondo"? I cristiani sono probabilmente considerati dalla società come un "bel gruppo" amichevole, ma proprio non interessante.
La domanda sorge spontanea: siamo troppo gentili? Se si dà anche solo un'occhiata superficiale a Gesù (a cui si riferiscono i cristiani), si noterà che la gente lo amava molto, ma per altri provocava imbarazzo. Gesù era tutt'altro che "gentile". Si è messo in mezzo. Amava - ma con passione. Poteva sviluppare forti emozioni, soprattutto quando si trattava dell'onore di suo padre e “del tiro a segno religioso” che si svolgeva nel tempio.

Amore radicale e verità
Questo Gesù doveva essere una persona incredibilmente avvincente e simpatica, che si rivolgeva direttamente ai suoi interlocutori, li guardava negli occhi e li costringeva alla verità. Ha portato questo fino alla sua morte sulla croce – alla fine l'amore di Dio come un attacco al male. Sulla croce vi era un uomo che apparentemente sopportava passivamente l'attacco del male - eppure era molto attivo. Ogni passo era una sua libera scelta. "Nessuno mi toglie la vita, io la do liberamente per il mondo" sono state le sue parole.

Seguire questo Gesù oggi, in un mondo di manipolazioni, messaggi di odio e bugie, è un compito impegnativo. Gesù è morto non solo per farci "essere gentili gli uni con gli altri", ma affinché la radice dell'odio nei nostri cuori sia sradicata e sostituita dall'amore di Dio, agendo così in questo mondo con "operatori di pace" sempre più attivi. Anche la preghiera per gli altri, un compito importante dei suoi seguaci, è "intercessione":, letteralmente significa "intervenire, mettersi in mezzo". E dalla preghiera nasce l'azione. L'esercito di coloro che non sono solo simpatici, ma promuovono azioni e programmi attivi per combattere il male, sta crescendo. No, nel seguire Cristo, l'amore è tutt'altro che noioso. Quando ci sarai anche tu?

 

 

 
  • Fonte: © Jesus.ch
  • Autore: Reinhold Scharnowski
  • Traduzione: Gabriella Mezzanotti
  • Upload: Grazia Marano