Set 2022

I genitori spesso educano raccontando bugie

Ricerca della moralità! In realtà si sa: "Non devi raccontare bugie". Minacciare con racconti di fantasia, ad esempio, non è un buon metodo educativo. Quando si tratta di educare i figli, i genitori non sono così attenti alla verità come invece pretendono dai loro figli stessi.
Questo è quanto viene riportato da ricercatori canadesi e statunitensi nel Journal of Moral Education. Hanno chiesto ai genitori in quali occasioni ricorrono alla bugia e ai giovani adulti quali bugie ricordano che i loro genitori hanno detto loro. Lo studio ha rilevato che le bugie sono sorprendentemente diffuse. Gli adulti di solito vogliono in questo modo sollecitare un certo comportamento o rendere felici i bambini.

La paura non è adatta come metodo educativo
Le risposte al sondaggio mostrano la versatilità dell'uso delle bugie da parte dei genitori nell'educazione dei figli. I genitori hanno spesso dichiarato che promettevano cose cattive ai figli piccoli se non andavano a letto o non finivano il piatto. "Se non mangi, ti verranno i brufoli sul viso", minacciava una madre; spesso si ricorreva anche all'aiuto di creature magiche come streghe o maghi.
Altri hanno raccontato di aver incoraggiato il proprio figlio ad avvolgere il ciuccio in un pacchetto, in modo che l'uomo dei ciucci lo raccogliesse e lo portasse ad altri bambini che ne avevano bisogno. I ricercatori hanno anche trovato nei questionari il riferimento all'aver descritto come "bello" lo scarabocchio di un bambino di due anni. "Anche i genitori che più insistono sull'onestà dei figli spesso mentono", riferisce il responsabile dello studio Kang Lee.

I bambini si fidano dei propri genitori
Pia Deimann, psicologa dell'età evolutiva presso l'Università di Vienna, spiega perché i bambini credono alle descrizioni non veritiere dei genitori. "I bambini si fidano completamente dei loro genitori. Questo perché gli esseri umani hanno bisogno di una buona assistenza più a lungo di qualsiasi altra specie". All'età di circa quattro anni i bambini imparano finalmente a distinguere tra bugie e verità. Allo stesso tempo, raggiungono anche un livello cognitivo e di espressione che possono utilizzare per mentire a se stessi. "Scoprono di poter cambiare la realtà attraverso il linguaggio, lo usano in modo molto creativo e sono felici di usarlo loro stessi per spaventare altre persone".

Rendere la verità amichevole
Deimann sconsiglia vivamente di utilizzare la bugia come misura educativa, poiché ciò non fa altro che rendere i genitori inaffidabili nel lungo termine. "Utilizzare la bugia per ottenere un comportamento non è utile né necessario. Se voglio che un bambino mangi le verdure, devo sostenere io stesso l’importanza di questo. Pertanto, nel caso di un comportamento indesiderato, è meglio prospettare solo le conseguenze che si possono e si vogliono effettivamente realizzare.
La bugia è particolarmente inappropriata quando porta alla formazione di segreti familiari, come nascondere l'adozione al bambino. "In questo caso, non c'è altra strada buona che la verità, per quanto sia difficile e provochi discussioni. Il compito, tuttavia, è quello di rendere la verità amichevole", afferma lo psicologo dello sviluppo. Mentire è talvolta giustificabile quando serve a proteggere il benessere emotivo del bambino. "Non si può certo pretendere che un bambino comprenda che la cavia morta sia stata smaltita nell'impianto di smaltimento degli animali. Il paradiso dei porcellini d'India è un'opzione migliore".

Prendete tempo per le domande
Anche gli adulti sono spesso tentati di essere poco sinceri dall'abitudine dei bambini di fare continuamente domande. "Soprattutto in età prescolare, i bambini vogliono sapere tutto, ma questo non deve infastidire i genitori. Fare domande è un segno d’intelligenza e solo facendo domande i bambini possono acquisire la conoscenza, che è molto apprezzata nella nostra società. Chi è interessato all'ambiente da bambino lo sarà anche in seguito e di solito è un buon studente". Poiché rifiutarsi di rispondere impedirebbe ulteriori domande, Deichmann raccomanda ai genitori di elaborare strategie proprie. "Per esempio, potete dire al bambino che la sua domanda è buona, ma che al momento non avete tempo e che cercherete la risposta insieme in un secondo momento". Le enciclopedie per bambini o, nell'infanzia avanzata, Internet offrono un'opportunità ideale per questo.

 

  • Fonte: ©.livenet.ch / pte online
  • Traduzione: Gabriella Mezzanotti
  • Upload: Grazia Marano