Nov 2020

Come possiamo smettere di criticare e giudicare gli altri?

L'essere umano è molto incline a osservazioni e commenti soggettivi, eventi, situazioni e atti commessi da un'altra persona. Si pone quindi come un giudice che possiede la scienza di tutto ciò che accade sulla terra. Molte volte ci siamo comportati come giudici e giuria, eppure è scritto in Matteo 7:1 "Non giudicate, affinché non siate giudicati…". Come possiamo smettere di giudicare e criticare chi ci circonda?

Ricevere l'amore di Dio per guarire, per amare noi stessi e per amare gli altri.

 Di solito, le persone che giudicano e criticano proiettano le loro frustrazioni e la loro infelicità sugli altri, si risentono di quelle persone che hanno fatto ciò che loro stessi non si sarebbero permessi di fare. Una persona che trova difficile dire ciò che pensa in modo vero e autentico, che non sa come esprimere i propri bisogni, si risentirà sempre con chi sa farlo. Questo atteggiamento deriva generalmente da una o più ferite dell'anima. Il primo passo, quindi, è quello di ricevere l'amore di Dio, la guarigione e la consolazione divina.

Dio è Amore, e finché non si è pieni del suo amore, non si può sperimentare la sua guarigione e la sua restaurazione, o addirittura amarlo di nuovo.1 Giovanni 4,19 "Noi (lo) amiamo perché egli ci ha amati per primo”. Questo è il punto di partenza perché il rapporto verticale, cioè tra Dio e l'uomo, dovrà essere ripristinato prima del rapporto orizzontale: quello tra l'uomo e l'uomo. Anche grazie all'amore di Dio, potremo amare Dio, amare noi stessi e poi amare gli altri.

Perciò, come sta scritto in 1 Giovanni 4,7-8 " 7Carissimi, amiamoci gli uni gli altri, poiché l'amore è da Dio e chiunque ama è nato da Dio e conosce Dio. Chi non ama non ha conosciuto Dio, perché Dio è amore..”

Accettare sé stessi e gli altri.

 Per accettare sé stessi e gli altri, bisogna avere un cuore retto. Tuttavia, abbiamo spesso pensato, purtroppo a torto, che un cuore retto è lo stato di chi non commette alcun peccato. La persona che critica e giudica costantemente considera la benedizione di Dio come una ricompensa per un atto e una triste situazione come una punizione divina. La Parola di Dio ci dice in Romani 4,4-5: "4 Ora a colui che opera, la ricompensa non è considerata come grazia, ma come debito; 5 invece colui che non opera, ma crede in colui che giustifica l'empio, la sua fede gli è imputata come giustizia…”

Questo è un cuore retto: accettare che siamo peccatori redenti da Dio, accettati dal suo Spirito, che abbiamo delle imperfezioni e che finché saremo su questa terra, non faremo e diremo mai tutto giusto. Dovremo quindi accettare anche le imperfezioni degli altri. Perciò, dobbiamo in ogni momento essere vicini al nostro Padre per attingere da Lui e dal suo Spirito, la capacità di fare la sua volontà, e ciò che è buono ai suoi occhi. È questo atteggiamento del cuore che produce in noi misericordia e compassione verso il prossimo. Luca 6,36-37: "36 Siate dunque misericordiosi, come anche il Padre vostro è misericordioso. 37 Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato…”

Vedere noi stessi e gli altri come Dio vede noi.

Il passo successivo, per avere più compassione e meno giudizio sugli altri, è vedere gli altri e noi stessi come Dio vede noi. Esattamente come Gesù nel testo di Matteo 9:36 "Vedendo le folle, ne ebbe compassione perché erano stanche e disperse, come pecore senza pastore”. È questo atteggiamento del cuore che ci permetterà di comprendere e di trascurare le azioni degli altri.

Comprendere il processo di crescita è importante perché non si può chiedere a un bambino di 6 mesi di correre come un bambino di 5 anni; è una sciocchezza. Così come non possiamo rimproverare e criticare un bambino che sta imparando a camminare, perché fa un passo e cade, ma invece lo incoraggiamo e lo lodiamo. Con questo pensiero in mente, Paolo dice: "…essendo convinto di questo, che colui che ha cominciato un'opera buona in voi, la porterà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù." Filippesi 1:6. Egli sapeva che possiamo progredire costantemente con Dio.

Una persona può fare qualcosa perché non ha ancora capito quello che noi abbiamo capito oggi. Quindi, invece di criticare e giudicare, ricordiamoci che forse prima ci comportavamo come quella persona e probabilmente facevamo di peggio. Oggi siamo cresciuti, forse siamo maturati, proprio come Paolo diceva in 1 Corinzi 13:11: "Quand'ero bambino, parlavo come un bambino, avevo il senno di un bambino, ragionavo come un bambino; quando sono diventato uomo, ho smesso le cose da bambino.”

Non dimentichiamoci neppure che la persona potrebbe fare la cosa giusta, ma che noi, non avendo ancora capito certe cose, la giudichiamo.

 In Romani 14,3 la Bibbia ci insegna questo: "Colui che mangia non disprezzi colui che non mangia, e colui che non mangia non giudichi colui che mangia, poiché Dio lo ha accettato.”

 

  • Fonte: © frequencechretienne.fr
  • Traduzione: S. Farinato
  • Upload: G. Marano