Set 2022

Il disprezzo o il veleno che distrugge le nostre relazioni.

Che cos’è il disprezzo ? È un sentimento che ci spinge a considerare gli altri con sdegno e che quindi non meritano la nostra stima. Questo sentimento ci spinge a non considerare, non rispettare e non amare quelli che ci circondano. Fa nascere altri sentimenti, come l’arroganza e la superiorità oltre alla mancanza di umiltà.
Chi disprezza il prossimo pecca, ma beato chi ha pietà dei miseri! (Proverbi 14:21)

Dio stima ognuno di noi
Dio non fa nessuna distinzione e non lo ha fatto neanche quando ha dato il suo unigenito Figlio per salvarci.
16 Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. 17 Infatti Dio non ha mandato suo Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. (Giovanni 3:16-17)

Perché oggi capita che noi trattiamo gli altri con disprezzo, giudicando con un’aria di superiorità? Abbiamo dimenticato che siamo tutti uguali davanti a Dio, le nostre storie, i nostri errori, o i nostri peccati ? Dio non fa nessuna differenza e ci accompagna in tutte le tappe della nostra vita, nei giorni felici come nelle prove. Egli agisce con coerenza, in funzione dei nostri comportamenti rispettivi, del nostro attaccamento alla sua Parola e del rispetto dei suoi comandamenti. Egli stima ognuno di noi, con amore e rispetto. Allora chi siamo noi per non fare lo stesso nelle nostre relazioni?

Il disprezzo puo’ rivelare alcune volte le nostre carenze
Quando disprezziamo gli altri, facciamo prova di arroganza. Tutto cio’ puo’ essere l’espressione di una mancanza di considerazione da parte nostra, ma anche il bisogno malsano di sentirci riconosciuti, importanti e amati. Prendere il sopravvento sugli altri attraverso il disprezzo puo’ essere un modo contorto di esprimere il nostro bisogno di attenzione. E si ! I nostri comportamenti con coloro che ci circondano possono essere il riflesso delle nostre carenze nella considerazione che noi abbiamo di noi stessi. Purtroppo, questo puo’ distruggere le nostre relazioni. Bisogna piuttosto avvicinarsi a Dio che non respinge nessuno e che puo’ guarire interiormente.
Dio è potente, ma non respinge nessuno; è potente per la forza della sua intelligenza. (Giobbe 36:5)

Curare il nostro carattere può preservare le nostre relazioni
Piu’ avanziamo nelle vie del Signore e piu’ ci rendiamo conto che per avere un impatto su quelli che ci circondano dobbiamo prima di tutto occuparci accuratamente di noi stessi, del nostro carattere, delle nostre attitudini. Il benessere e l’equilibrio delle nostre relazioni dipendono da quello che ognuno fornisce con la propria personalità, le azioni, l’atteggiamento e il carattere.
Se vogliamo preservare le nostre relazioni fornendo un massimo di amore e di rispetto, dobbiamo lavorare sul nostro comportamento verso gli altri affinché possiamo essere un esempio raggiante dell’amore di Dio nelle nostre vite.
Ogni dettaglio conta nella costruzione di quello che siamo. Il miglior modo per evangelizzare é proprio quello di dare l’esempio dei valori di Cristo nella nostra vita. In questo schema, il disprezzo non ha posto perché non puo’ restare vicino all’amore che tutti noi dobbiamo trasmettere.
Onorate tutti. Amate i fratelli. Temete Dio. Onorate il re (1 Pietro 2:17)

 

  • Fonte: © frequencechretienne.fr
  • Autrice: Marlyne Cramer
  • Traduzione: Giosuè Risoluto
  • Upload: Grazia Marano